Il laboratorio NANOT.T.

logo_nanottIl laboratorio Nanott (Nanotecnologie Toscane) occupa una porzione (445 mq) al piano terreno dell’antico presidio ospedaliero di Empoli.

Gli spazi sono così suddivisi:

  • Area servizi che comprende: uffici, sala riunioni, magazzino, reagentario, locali tecnici;
  • Area Laboratori Nanomateriali che comprende: il laboratorio microscopio con focale, il laboratorio chimico strumentale, il laboratorio microscopio ad elioni, il laboratorio preparativa   microscopica, il laboratorio sperimentale;
  • Area Laboratori Nanomedicina: dedicata agli studi sui nanofarmaci, dove sono  presenti  i  seguenti locali: Airlock personale, Airlock materiali, spogliatoio, vestibolo, laboratorio di biologia cellulare.

camera_biancaIn particolare l’area  destinata  ai  laboratori  di  nano  medicina  comprende  un  ambiente  a  contaminazione controllata  (camera  bianca). Tale spazio è stato concepito come un reparto separato al fine di poter operare un efficace controllo degli accessi sia del personale che dei materiali. Il passaggio tra laboratorio e ambiente esterno avviene sempre mediante locali filtro che hanno pressione controllata e porte interbloccate, al fine di preservare l’area da contaminazione microbiologica e particellare proveniente dall’ambiente esterno. I locali sono separati da pareti mobili utilizzati nell’industria farmaceutica.

Tutti  i  locali  sono  climatizzati  con  un  elevato  numero  di  ricambi/ora,  tale  da  assicurare  il mantenimento delle condizioni di purezza microbiologica per le diverse classi di pulizia presenti, oltre ad un grado di filtrazione dell’aria molto spinto; è assicurato il mantenimento di precise condizioni termoigrometriche interne.

Il laboratorio è stato realizzato dal Comune di Empoli con il contributo della Regione Toscana, della Fondazione CRSM (Fondi FAS) e con il supporto tecnico di ASEV.

L’attività di ricerca che il laboratorio è in grado di sviluppare consiste nell’approfondimento delle possibili applicazioni della nanotecnologia, ovvero della manipolazione della materia a livello atomico e molecolare per la messa a punto di nuovi materiali e nuovi processi in diversi settori produttivi di interesse a livello regionale e nazionale: biomedico, farmaceutico, vetro e ceramica, materie plastiche e polimeriche, depurazione e catalisi, energia, tessile, edilizia.

Il laboratorio sarà in grado di predisporre nuove soluzioni e tecnologie, verificare l’effettiva applicabilità industriale dei processi, creare una vera innovazione, grazie alle collaborazioni all’interno della comunità scientifica nazionale e internazionale.

 Aree di interesse:

Nanomedicina

L’esperienza dei ricercatori e dei soci del Consorzio GRINT nell’ambito della nanomedicina, nonché la specificità di molti strumenti in dotazione al centro, fanno del laboratorio il luogo di approfondimento ideale  dei temi più avanzati di ricerca in questo campo. Temi di ricerca quali il drug delivery tramite vettori linfocitari,  il targeting system via sistemi di anticorpi monoclonali, le modellazioni per la diagnostica MRI e i trattamenti in ipertermia avanzata sono già in via di sviluppo sia grazie all’interesse specifico dei soci del Consorzio GRINT, sia grazie alle commesse di ricerca derivanti da progetti finanziati dalla Regione Toscana in questo settore.

Aria-Acqua

Nell’ambito del disinquinamento ambientale si è sempre alla ricerca di soluzioni innovative da impiegare per il miglioramento della qualità della vita dei cittadini.

Sistemi di purificazione dell’aria basata su filtri ottenuti tramite l’impiego di nano fotocatalizzatori possono essere progettati e finalizzati all’impiego in cicli specifici dei clienti; analogamente soluzioni basate su nanomateriali a base carbonio o Titanio o altri materiali intelligenti possono essere studiati al fine di realizzare prototipi industriali per il trattamento delle acque.

Materiali

Un ampio spettro di nuovi materiali in forma nano o micro, studiati e sviluppati all’interno di progetti di ricerca potranno essere finalizzati al miglioramento di tecnologie esistenti in molti ambiti tradizionali quali il vetro, il tessile e soprattutto il trattamento delle superfici.

La creazione di nuovi compositi più performanti rispetto a quelli esistenti e soprattutto progettati sulle singole esigenze delle aziende, potranno dare un grande valore aggiunto alla ricerca e alla diversificazione industriale del territorio.

Il laboratorio NANOT.T. è in grado dunque di svolgere attività di analisi per i soci del soggetto gestore sia in conto terzi grazie ad un vasto parco strumenti che spazia da quelli strettamente necessari per l’analisi di routine fino alla microscopia ad elioni, tecnologia fra le più avanzate al mondo.

Il laboratorio è stato infatti dotato di uno strumento (Microscopio a ioni di elio ORION Plus_Zeiss) che consente l’osservazione di campioni ad altissimo ingrandimento anche in campo biologico e di cui ne esistono solamente due in Italia e 22 nel mondo.

I principali strumenti in dotazione al laboratorio sono i seguenti:

  • Microscopio a ioni di elio ORION Plus_Zeiss – Analisi morfologica superficiale ad altissima risoluzione

  • ICP-Massa Xseries2_Thermofischer – Analisi quantitativa multielementare, stratigrafia su campioni solidi

  • Microscopio Confocale Eclipse-Ti_Nikon – Analisi morfologica ad alta risoluzione, sezionamento ottico, ricostruzione 3D

  • FTIR cary 610 _Agilent Technologies – Analisi molecolare quantitativa e qualitativa

  • Microscopio Raman DXR_Thermofischer – Analisi molecolare di campioni liquidi, gas e solidi amorfi e cristallini